Archivi tag: Fantasmi

Cimitero Monumentale di Oropa – Spiriti in cerca di riposo

Cimitero Monumentale di Oropa – Spiriti in cerca di riposo

Il cimitero di oropa è semi-arrocato nel bosco. La parte interna è composta da normali lapidi a terra e il perimetro da loculi. Ed è proprio di questo perimetro di cui vorrei parlarvi. Vi è la parte superiore, con i loculi in vista da tutto il cimitero. Ci sono quelli sotterranei, che stanno esattamente sotto a quelli in vista. Infine, quelli nascosti.

Prima di raccontarvi ciò che c’è, vi vorrei dire delle energie presenti nel luogo. Pesanti, tremendamente pesanti. Personalmente mi hanno serrato la gola e respirare era faticoso.

Non ho nulla da dirvi in particolare riguardo ai loculi in vista. Di giorno sono baciati dalla luce diurna e, energie a parte, non ho da raccontarvi nulla in più rispetto a qualsiasi altro cimitero.

Ai loculi nascosti Continua a leggere Cimitero Monumentale di Oropa – Spiriti in cerca di riposo

Annunci

Il castello di Azzurrina, la recensione brutale di un’Esoterista

Il castello di Azzurrina, la recensione brutale di un’Esoterista

Il castello di Montebello, a Rimini, è anche conosciuto come “Il Castello di Azzurrina“: il fantasma che si sostiene vi abiti.

Avrei forse potuto non visitarlo?
No.

La sua leggenda narra di una bimba di nome Guendalina che, poiché nata bionda -albina-, hanno deciso di porre rimedio dal momento che avrebbe rischiato di attirare l’attenzione della chiesa. I capelli così bizzarri le prometteravo una fine terribile. La madre pensò quindi di tingerle i capelli, ottenendo solo dei capelli azzurro-verdi. Da qui, Azzurrina.
Decido di tralasciare ulteriori dettagli perché, se siete qui, significa che probabilmente la storia già la conoscete. E, se non la conoscete, non sarà necessaria per questo articolo.

Non so ben dire come la bambina sia morta poiché ho visitato questo castello due volte, e tra una e l’altra la versione in cui la guida raccontava della sua morte ci sono state differenze sostanziali.

Continua a leggere Il castello di Azzurrina, la recensione brutale di un’Esoterista

Oropa Bagni – Tra spettri e ale inesplorate… prima del nostro passaggio

Oropa Bagni – Tra spettri e ale inesplorate… prima del nostro passaggio

Articolo della prima visita.

Conversazione tramite la tavola Ouija.

Video della prima indagine.

Sul campo:

Daemonia – Il Sangue Della Strega
Il Tempio Oscuro – The Official Community

Dèvera Blackmind
Continua a leggere Oropa Bagni – Tra spettri e ale inesplorate… prima del nostro passaggio

Indagine a Oropa Bagni – tra presenze e teschi

Indagine a Oropa Bagni – tra presenze e teschi

Storia

Oropa è famosa per la Madonna Nera, e non è una bestemmia: è davvero una Madonna nera. Un antico modo per pregare Lilith, ma senza essere scoperti dalla Chiesa Cattolica. Per cui, già di per sé, Oropa si presenta misteriosa anche solo per le radici poco cattoliche che ha. Nonostante questo, il Tempio di Oropa è uno dei Santuari dedicati alla Madonna più noto in Europa.
Poco più giù, invece, troviamo il vecchio stabilimento idroterapico di Oropa: Oropa Bagni. Risale al 1856 ed era una località di lusso, dove era possibile fare bagni di fango, terme e altre idroterapie. Per ricevere le cure, le persone d’elite aristocratica giungevano da tutta Europa. Alcune persone note che fecero visita a questo luogo erano stati i Savoia, Guglielmo Marconi e Carducci. Continua a leggere Indagine a Oropa Bagni – tra presenze e teschi

Oropa Bagni – Foto & conversazione completa con lo spirito

Oropa Bagni – Foto & conversazione completa con lo spirito

Conversazione avvenuta tramite la tavola Ouija il 21 febbraio 2018 durante l’ispezione con Edge e Dévera Blackmind, fondatori de “Il Tempio Oscuro – The Official Community” e “Daemonia · Il Sangue Della Strega“.
L’articolo della nostra ispezione lo potrete trovare qui: Ispezione a Oropa Bagni – Tra presenze e teschi

*Apertura della seduta*
Dèvera: «C’è qualcuno?»
CIAO
«Ciao a te… piacere di conoscerti»

«Chi sei?»
BELIALContinua a leggere Oropa Bagni – Foto & conversazione completa con lo spirito

La creazione di una tavola Ouija

La creazione di una tavola Ouija

Benvenuti ad Art Attack con Daemo… hem, no…
A parte gli scherzi, questo è il mio metodo personale per creare le Ouija, e così ne ho create tre fino ad ora. (Tre e mezzo, per la precisione). Ovviamente, i miei segreti, trucchi e altre cosette rimarranno a me.
Se prendete il testo, citatemi!

Materiali: Continua a leggere La creazione di una tavola Ouija

Ouija, l’utilizzo e come evitare i rischi

Ouija, l’utilizzo e come evitare i rischi

Questo strumento fu creato nel lontano 1891 con lo scopo di comunicare con le anime dei defunti. In realtà, coloro che rispondono alla chiamata non sono solamente i fantasmi ma anche i Demoni, gli Angeli, larve e così via lo fanno.
I inventori della tavoletta, Elijah J. Bond e Charles Kennard la misero in commercio il 28 maggio 1890, proclamatosi come suoi creatori. In realtà le sue origini sono molto più antiche, non altri che Pitagora l’avrebbe usata per avere contatti con il mondo impalpabile. Elijah e Charles l’avrebbero solo messa in commercio, ma di questo non ne esiste prova scritta alcuna.
Un curioso fatto sull’etimologia del nome è che l’inventore chiese alla tavola come la dovesse chiamare, e la risposta fu “Ouija”, non appena chiese il significato, lo spirito rispose “Buona fortuna”. In realtà è l’unione di due parole: Oui –francese-, Ja –tedesco-, che entrambe le parole significano “Sì”.
Fu poi nel 1901 che William Fuld, un impiegato di Charles Kennard, rilevò i diritti della Ouija e la rimise in commercio battezzandola ufficialmente come “Ouija”.
Dal 1991 i diritti della tavoletta sono passati dalla ditta Parker Brothers alla Hasbro, che ne fece un simpatico gioco da tavolo per i bambini.

Ouija, Hasbro, Continua a leggere Ouija, l’utilizzo e come evitare i rischi

L’ombra degli Staeseed

L’ombra degli Staeseed

È l’una di notte inoltrata e non riesco a dormire. Scrivo questo articolo forse anche per concretizzare emozioni e pensieri.
Essere uno Starseed non è sempre così bello come si può credere. Alcuni lo vedono come un gioco: diffondi amore, trova la tua missione, completala e vinci!
Non è così.

Continua a leggere L’ombra degli Staeseed