Il plagio mentale della Mela dell’Eden

Il plagio mentale della Mela dell’Eden

Quando nasci, di te è già certa una cosa: la nazionalità. Cinque minuti più tardi, decideranno per te il tuo nome, la tua religione e i tuoi genitori hanno aspettative sul tuo conto riguardo alla gestione della tua esistenza in generale (lavoro, obiettivi di vita, passioni eccetera). Sapendo questo, sei in grado di sentirti davvero libero?

Tu non sei Cristiano, Musulmano, Testimone di Geova, Ebreo o qualcos’altro. Sei diventato ciò che ti hanno imposto tramite plagi mentali. Quando un neonato raggiunge i primi mesi di vita, i genitori impongono il battesimo al figlio senza chiedersi, nemmeno per una volta, se questa sia la cosa giusta per lui. Eseguono questi passaggi perché “lo hanno fatto anche i miei genitori e i miei nonni prima di loro. Si ha sempre fatto così”. Ma è davvero la cosa giusta? (E no, non si ha sempre fatto così).
Quando si è bambini, si è come una spugna: si memorizza in fretta i concetti e, proprio per questo, l’istruzione è stata invasa dal cristianesimo per plagiare gli individui sin dall’infanzia. A scuola, durante la lezione di religione, anziché studiare le religioni più importanti del pianeta, ci si dedica solo ed esclusivamente a quella Cristiana impiantando nella mente dei giovani il seme del “credi a tutto ciò che ti viene detto e mai porti domande”. Si inculca nozioni sbagliate, trasmendo un fasullo messaggio di pace e amore appioppati a una religione il cui Dio ha compiuto più omicidi di qualsiasi altra persona reale o immaginaria. Ha ucciso infanti, distrutto intere città, avvelenato l’acqua, rovinato i raccolti e molto, molto altro anche per sciocchezze davvero futili.
Pensa alla storia del serpente e di Adamo ed Eva, in cui si narra erroneamente che il serpente fosse il maligno. In realtà, basterebbe scorgere gli scritti della Bibbia per rendersi conto di una delle prime, infinite menzogne della chiesa.
Dio desiderava due animaletti da giardino, i quali li chiamò Adamo ed Eva, e disse loro che avrebbero potuto fare ciò che volevano, in questo campo chiamato Eden, ma mai avrebbero dovuto nutrirsi delle mele dell’albero magico: morirebbero.
Il serpente, furbo, si recò dai due primi umani e disse loro che non sarebbero morti affatto, anzi, avrebbero ottenuto la coscienza e la volontà di decidere con la propria testa, anziché continuare a vivere come animali. Aggiunge, anche, che se avessero mangiato i frutti di un altro albero sarebbero divenuti immortali, sarebbero divenuti due Dèi.
Dio, per nulla onnisciente, fu in grado di trovare Adamo e domandò perché fosse nascosto, e l’uomo gli raccontò l’accaduto.
Adesso, vittima di un paese che dovrebbe essere Laico, ma invece si ritrova miseramente Cristiano, sta a ogni persona aprire gli occhi e cogliere la prima mela, quella della conoscenza e della volontà di decidere con la propria mente.
Nessuno nasce religioso o spirituale, nessuno nasce Paolo o Veronica, tutti nascono semplicemente bianchi. Vergini. Cogli la mela, comprendi cosa ti hanno fatto e muta te stesso in te stesso. Diventa te stesso, non ciò che gli vogliono che tu sia!

A questo proposito, chi segue il Satanismo Teista lo sa, questa Via Spirituale porta le persone a cogliere la prima mela e, con l’obiettivo di raggiungere il Magnum Opus (la Grande Opera), si cerca di trovare anche la seconda. Il Serpente della Bibbia ha come scopo quello di elevare l’uomo a Divinità, esattamente come l’Enki Sumero.

L’Italia mai è stata Cristiana, ricordalo, perché prima dell’invasione, prima delle uccisioni, era Pagana.
Adesso sai da dove partire per scoprire chi sei davvero. Saprai cogliere la prima mela?
E la seconda?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...